Noi siamo quegli animali

Noi siamo quegli animali
che messi all’angolo
si guardano attorno acuti
cercando di capire
se ci sono
quali sono
e quante sono
le vie di fuga.
 
Noi siamo quegli animali
che primordiali
si annusano l’odore
cercando di capire
se si può
quanto si può
e come si può
osare.
 
Noi siamo quegli animali
rimasti soli
impigliati
nel ghiaccio antico
 
estinti
perché
soccombemmo
a una glaciazione
che ebbe il suo pieno fulgóre
dentro di noi
 
il cielo frantumandosi si fece di cristallo
ci ammantò di piccole gemme luminose
e ci rese preziosi
sempiterni
bellissimi
inestimabili.

Ben oltre le tue risate

dog_g

Non capivo Venezia,

erano giorni inquieti,

tu dormivi in un letto che,

di me,

aveva solo l’odore.

Io non c’ero,

per davvero.

Io non c’ero

perché cominciai a roteare nella stanza

di quell’hotel di Mestre.

Guardavo dall’alto la tua esse,

i tornanti pericolosi

dei tuoi fianchi,

che già sapevo

di doverci morire.

Allora cominciai a roteare nella stanza

di quell’hotel di Mestre.

La mattina tu guardasti quell’enorme palloncino

a forma di cane,

come quelli che fanno i clown per le strade.

E io ti spiegai che era un’opera di Koons,

che significava ben oltre le tue risate.

Allora cominciai a roteare nella stanza

di quell’hotel di Mestre

e la finestra era aperta

e sono andato a cavalcare l’opera di Koons.

Quando sono tornato tu abbracciavi il mio odore,

ché solo quello mi era rimasto

da poterti concedere.